Mettere in ordine la scarpiera: guida completa

Mettere in ordine la scarpiera: guida completa

Quale migliore occasione per mettere in ordine la scarpiera. In questi giorni di quarantena semi forzata ho fatto pulizie straordinarie in tutta casa e ho lasciato per ultime quelle dell’armadio e della scarpiera. Che sono anche gli spazi che maggiormente preferisco ostentare, ma che poi non mostro quasi mai perché sono spesso disordinati. Un bel controsenso, non credi?! Ma oggi mi sono finalmente dedicata a questi due spazi e sono  pronta a darti qualche dritta per mettere in ordine anche la tua di scarpiera.

E se la scarpiera non ce l’hai?

Per anni non ho avuto una scarpiera. E mi sono arrangiata a collocare le mie amate scarpe nei posti più assurdi che riuscivo a trovare nella mia camera, come sotto al letto o su mensole. Adesso che vivo da sola mi sono presa la rivincita per il torto subito per troppi anni e ho costruito una scarpiera vera. E non parlo del classico armadietto porta scarpe che si appoggia al muro. Ma di un mobile grande e in grado di ospitare al suo interno decine di paia di scarpe. Quando ho cambiato casa il fattore scarpiera era una prerogativa a cui non volevo rinunciare. Però ci sono tanti spazi in casa che probabilmente non hai mai preso in considerazione e se anche tu sei nella mia stessa situazione di qualche mese fa, ti consiglio di leggere il mio articolo su come organizzare le scarpe in poco spazio. Troverai un’idea facilmente realizzabile per creare una scarpiera fai da te.

Mettere-in-ordine-la-scarpiera

Come mettere in ordine la scarpiera

Dopo aver svuotato tutta la scarpiera, comincia con il pulire perbene tutti i ripiani. Ti consiglio di effettuare la prima passata con della carta del rotolo da cucina inumidita, giusto per togliere il grosso dello sporco. Poi utilizza una spugna di quelle per pulire la cucina, bagnata in una soluzione di acqua e spray sgrassatore. Dopo aver sciacquato la spugna con sola acqua, ripassala diverse volte, fino a quando non avrai portato via tutto lo sgrassatore. Poi asciuga con della carta. A questo punto inizia la fase del riordino. A tal proposito, tempo fa ti avevo parlato di come organizzare l’armadio delle scarpe per il cambio di stagione. Si tratta di indicazioni sempre valide e che ti consiglio di seguire per controllare periodicamente lo stato delle tue scarpe ed avere sempre a portata di mano i modelli che indossi più spesso. In più ho recentemente scoperto una vera rivoluzione per la pulizia profonda delle nostre scarpe. Si tratta della sanificazione con ozono che permette di eliminare batteri, cattivi odori e muffa. Ti parlerò più approfonditamente di questo sistema di igienizzazione in un articolo dedicato. Non appena finirà la quarantena e potrò tornare dal calzolaio che ha effettuato questo trattamento sulle mie scarpe che non ho ancora ripreso.

Per pulire le scarpe

Se, già che ci sei, vuoi dare anche una bella pulita alle tue scarpe, ti rimando agli articoli che parlano proprio di come pulire le scarpe di vari materiali e di come lavare le sneaker bianche.

Consigli pratici per mettere in ordine la scarpiera

Svuota tutta la scarpiera adagiando tutte le scarpe in maniera ordinata sul pavimento. Questo ti eviterà di perdere tempo dopo nell’appaiarle di nuovo.

Cerca di mantenere più ordine possibile anche se stai smantellando un’intera scarpiera. Io adotto questa tecnica anche per il cambio dell’armadio. Vedere troppo caos intorno mi demoralizza e non riesco poi più a capire da che parte iniziare. Anche perché, nel caso in cui dovesse sopraggiungere un’altra cosa urgente da fare immediatamente, sono sicura che non lascerò tutte le scarpe sparpagliate a casaccio nel corridoio.

Inizia sempre dai ripiani più alti. Lo sporco e la polvere cadranno in basso e partendo dall’alto eviterai di dover pulire due volte.

E adesso che hai tutte le istruzioni, non ti resta che mettere in ordine la tua scarpiera.

A presto!

-S-

 

Che scarpe mettere per un colloquio di lavoro?

Che scarpe mettere per un colloquio di lavoro?

Che scarpe mettere per un colloquio di lavoro? Ti sembrerà una frivolezza, ma le scarpe sono un elemento importante almeno quanto l’abbigliamento. Non voglio metterti ansia, ma non pensare che un colloquio di lavoro sia solo una bella chiacchierata. Ne esistono diverse tipologie, a seconda del tipo di azienda con cui hai a che fare e nel peggiore dei casi ti capiterà di essere osservata in tutto, non solo per ciò che dirai e come sarai vestita. Il modo di parlare, la modulazione del tono di voce, l’acconciatura dei capelli, la cura delle unghie, il modo di gesticolare, la postura, come ti poni nei confronti dell’interlocutore, il profumo che indossi, il make up e poi tutto il resto. Adesso che lo sai, forse, pensare a quali scarpe calzare per il tuo colloquio di lavoro ti consentirà per qualche minuto di mettere da parte l’ansia e scegliere con cura il look giusto per fare una buona impressione. E magari ottenere il posto di lavoro che desideri o di cui hai bisogno.

Come scegliere le scarpe giuste per un colloquio di lavoro

L’abito non fa il monaco. Quante volte avrai sentito dire o usato questo proverbio per invitare qualcuno a diffidare delle apparenze e non valutare in maniera superficiale le persone. Purtroppo per i colloqui di lavoro non è proprio così. Il look – scarpe comprese – con cui sceglierai di presentarti potrà fare la differenza.

Innanzitutto è importante scegliere un look adatto alla posizione lavorativa per la quale ti stai candidando e che sia orientato allo stile dell’azienda. Se lavorerai in magazzino non sarà necessario presentarti con delle scarpe con tacco, così come se sceglierai un ambito creativo potrai osare con un outfit più estroso. Infine, se il tuo futuro lavorativo sarà in ufficio forse un look più formale sarà la scelta giusta.

Quali scarpe non scegliere

Prima di vedere insieme qualche proposta adatta al tuo prossimo colloquio di lavoro è meglio dirti quali sono le calzature che dovresti proprio evitare.

Tutte quelle calzature che credi adatte alla spiaggia come infradito, ciabatte e sandali minimal, non andranno bene per un colloquio di lavoro. In generale evita anche tutte quelle scarpe che lasciano il piede troppo scoperto.

Tacchi o zeppe esageratamente alti/e. Essere troppo glamour è più indicato per una serata fuori che per un colloquio di lavoro. Meglio rimanere sobrie.

Scarpe da ginnastica tipo Chunky Sneaker. Ci sono scarpe più indicate per fronteggiare il tuo bisogno di comodità.

Stivali over the knee, soprattutto se sono anche molto appariscenti. In questo caso meglio optare per degli stivali più normali.

Quali scarpe scegliere

Qualunque sia la posizione lavorativa ambita, ci sono delle scarpe che se le indosserai sarai certa di non sbagliare. Ma attenzione, perché a volte il confine tra indossabile e assolutamente inammissibile è davvero labile.

Tacchi bassi e larghi, ma anche Kitten Heels sono perfetti per affrontare al meglio un colloquio di lavoro. Con bassi non intendo per forza rasoterra, ma piuttosto che non superino gli 8 centimetri all’incirca. I colori più adatti restano sempre quelli neutri come nero, nude e grigio che sono anche quei colori che stanno bene con tutti gli altri.

Che-scarpe-mettere-per-un-colloquio-di-lavoro

Hogl, Euro 134.99

Hogl, Euro 129.99

Ines, Euro 199.99

Che-scarpe-mettere-per-un-colloquio-di-lavoro-3

Michael Kors, Euro 119.99

Che-scarpe-mettere-per-un-colloquio-di-lavoro-4

Umis Wide Fit, Euro 99.99

Che-scarpe-mettere-per-un-colloquio-di-lavoro-7

Mocassini, ballerine, décolleté, sneaker, stringate e stivali andranno bene purché siano sobrie e non esagerate. Quindi evita colori sgargianti, strass e applicazioni troppo appariscenti.

Che-scarpe-mettere-per-un-colloquio-di-lavoro-5

Tamaris, Euro 69.99

Che-scarpe-mettere-per-un-colloquio-di-lavoro-6

Felmini, Euro 119.99

Che-scarpe-mettere-per-un-colloquio-di-lavoro-8

Zign, Euro 119.99

Che-scarpe-mettere-per-un-colloquio-di-lavoro-9

Pier One, Euro 79.99

Che-scarpe-mettere-per-un-colloquio-di-lavoro-A

Massimo Dutti, Euro 99.95

Qualunque scarpa deciderai di calzare, ricorda che dovranno essere in ordine, pulite più che mai e in buone condizioni.

In ogni caso il mio personale consiglio è di scegliere delle scarpe che ti facciano sentire a tuo agio. Quindi non troppo lontane dal tuo modo di vestire e dalla tua personalità ma che strizzino l’occhio alla sobrietà e alla semplicità. Ricorda che anche la comodità è un fattore fondamentale perché più ti sentirai a tuo agio e meglio sarai in grado di far emergere le tue doti e capacità intellettuali.

In bocca al lupo per il tuo prossimo colloquio!

A presto!

-S-

Tendenze scarpe decennio 2010 2019

Tendenze scarpe decennio 2010 2019

Ed eccomi tornata qua con il primo post del 2020 su quelle che sono state le tendenze scarpe del decennio 2010 2019 che si è appena concluso. E allora, dopo aver bighellonato per ben due settimane – se mi segui su Instagram già saprai – ti do il buon anno così, come consuetudine, ovvero con un articolo.

E così prima di iniziare un nuovo anno insieme ricco di moda, trend e curiosità riguardanti il mondo delle scarpe, mi sembrava doveroso dare insieme un ultimo sguardo al decennio che si è appena concluso. Per ricordarci quali sono state le scarpe che ci hanno accompagnato dall’inizio, quali hanno lasciato il posto a nuove tendenze, quali ci sono piaciute di più e quali meno.

E quale miglior modo di guardare al futuro gettando un’ultima occhiata al passato, partendo dall’inizio?

2010

Il 2010 è stato l’anno delle scarpe con tacco e plateau, rigorosamente e sfacciatamente in vista.

Yves-Saint-Laurent-Tendenze-scarpe-decennio-2010-2019

Yves Saint Laurent

2011

Nel 2011 hanno visto la luce le famigerate e ormai viste e riviste Rockstud di Valentino, delle decollete T-Strap con allacciatura alla caviglia e una serie di altri cinturini ricoperti di borchie. Ma anche le super glitterate Miu Miu con il tacco leggermente a banana.

Tendenze-scarpe-decennio-2010-2019-Valentino-Rockstud

Valentino Rockstud

miu-miu-Tendenze-scarpe-decennio-2010-2019

Miu Miu

2012, 2013 e 2014

Nel 2012, 2013 e 2014 le sneaker invadono prepotentemente il mondo fashion, dapprima con il plateau interno, poi in versione skate e infine in una rivisitazione decisamente più chic grazie all’applicazione di strass e lustrini.

Isabel-Marant

Isabel Marant con plateau interno

skate-celine

Skate di Celine

sneaker-dior-fusion

Dior Fusion

2015

Ed è il 2015 quando Gucci presenta i discussi sabot con il pelo. Anche tu ricordi lo sbalordimento e lo sconcerto del primo sguardo rivolto a queste calzature? Eppure abbiamo imparato ad accettarle e ad essere sincera hanno iniziato anche a piacermi. Grazie a questa esperienza ho capito che prima o poi con il tempo ci si abitua a tutto.

Princetown-Gucci

Gucci Princetown

2016

Il 2016 è stato l’anno delle ciabatte da mare con la suola preformata in gomma e la fascia larga in pelliccia di Fenty x Puma. Anche questo modello è stato poi ripresentato dai vari brand in svariate salse.

puma-ciabatte-fenty

Fenty x Puma

2017

Il 2017 Balenciaga ha dominato la scena in fatto di scarpe grazie al modello Speed, ovvero le sneaker calzino caratterizzate dalla tomaia in stoffa senza cuciture e la suola in gomma. Anche questo modello è stato di ispirazione per tanti brand più o meno conosciuti. Io stessa ho acquistato una versione low cost e rivisitata di calzature ispirate al modello Speed.

balenciaga-sneakers-speed

Balenciaga Speed

2018

Nel 2018 le Chunky Sneaker prendono il sopravvento con la loro suola in gomma alta, sproporzionate e sgraziate. Ma è anche il ritorno del tacco basso a rocchetto e delle slingback.

Balenciaga-Triple-S

Balenciaga Triple S

2019

Nel 2019 le sneaker hanno continuato a dominare le scene e il modello Stretch di Bottega Veneta, con il suo tacco equilibrato e la punta squadrata è stato un vero ritorno agli anni ’90. Un altro segno che la moda tende a ripetersi con qualche variazione di decennio in decennio.

Stretch-Bottega-Veneta

Bottega Veneta Stretch

A grandi linee queste sono state le tendenze scarpe del decennio 2010 2019. E adesso non resta che fantasticare su quello che ci aspetterà. Intanto attendo trepidante le prossime Fashion Week di febbraio per scoprire le imminenti tendenze moda. Se non vuoi perderti tutti gli aggiornamenti, rimani sintonizzata.

A presto!

-S-

8 by Yoox: collezione primavera estate 2020

8 by Yoox: collezione primavera estate 2020

8 by Yoox è il brand di abbigliamento, scarpe e accessori di Yoox. Se non sai di cosa stiamo parlando, ti spiego subito tutto. Yoox è un portale nato in Italia nel 2000, ma conosciuto anche oltre confine, di vendita online di moda di lusso. Qui puoi trovare capi di abbigliamento, accessori, oggetti di design e tanti prodotti che sono frutto di preziose collaborazioni tra artisti.

Da dove è nato il brand 8 by Yoox

Il bran 8 by Yoox e le relative collezioni sono nate e nascono di stagione in stagione grazie alla raccolta e successiva interpretazione dei dati degli utenti da parte di un intelligenza artificiale. Sono stati interpretati i dati interni alla piattaforma, che vanta una presenza quasi ventennale nel mondo della moda, ma anche quelli esterni presenti in Internet. Keyword utilizzate sui vari social e nelle varie testate online, dati di vendita, tendenze, feedback dei clienti. Tutto è stato analizzato e interpretato per essere trasformato in dati per identificare i trend vincenti. Ovvero quello che piace a noi utenti.

8-by-Yoox-ballerine

8-by-Yoox-ballerine-1

Il risultato è stata infatti una collezione basata sulle vere aspettative dei clienti in fatto di forme, materiali, colori qualità dei capi e prezzi. Per la prossima collezione primavera estate 2020 è stato persino incrementato l’algoritmo alla base di questa analisi che includerà adesso ulteriori dati in grado di segmentare il pubblico in termini di preferenze e identità stilistiche, aumentando anche i capi eco sostenibili.

8-by-Yoox

8-by-Yoox-18-by-Yoox-2
Alla base delle collezioni di 8 by Yoox c’è essenzialità dei capi, facilità nell’essere indossati, silhouette fluide e stile senza tempo. Dietro a tutto ciò c’è un elevata attenzione alla qualità e alla scelta di materiali e fornitori, come se fossi proprio tu a decidere.

Le scarpe di 8 by Yoox

Le scarpe di questo nuovo brand spaziano dai sandali agli stivali, includendo sneaker, espadrillas e persino pantofole. I prezzi sono abbordabili e mai eccessivi. Le scarpe che ti sto mostrando appartengono alla collezione per la primavera estate 2020, che proprio in questi giorni è stata in parte svelata. La maggior parte delle scarpe di 8 by Yoox è in pelle e prodotta in Italia.

Decollete-rosse-8-by-Yoox

Curiosità su Yoox

Ti svelo un ultima curiosità sul nome 8 by Yoox. Il numero 8 è stato scelto per due motivi, il primo perchè è formato dalla doppia “oo”, presente anche all’interno del nome Yoox, il secondo perchè, se posto in orizzontale, rappresenta anche il simbolo dell’infinito. Mentre la y e la x ai lati sono le lettere attribuite ai cromosomi sessuali maschile e femminile. Infine, se ancora non l’hai provato, ti straconsiglio di scaricare subito l’app di Yoox per provare l’esperienza di Yooxmirror, il camerino digitale, ovvero la possibilità di indossare gli abiti in maniera virtuale. Puoi creare il tuo Avatar inserendo altezza, tipo di fisicità e una foto del tuo volto.

Io trovo che tutto questo sia davvero stupefacente, straordinario e davvero futuristico.

Adesso che sai tutto su Yoox e sulla sua nuova collezione di scarpe, non ti resta che andare a curiosare tra vestiti e accessori.

A presto!

-S-

 

 

*Nell’articolo sono presenti link di affiliazione. Significa che, in qualità di Affiliato, io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei effettuati attraverso i link che inserisco. I prezzi dei prodotti non cambiano.

Siti per acquistare scarpe online: i miei preferiti, affidabili e provati

Siti per acquistare scarpe online: i miei preferiti, affidabili e provati

Conosci già dei siti per acquistare scarpe online? Oggi voglio parlarti di quali sono i miei preferiti e di come funzionano. L’idea di questo articolo è nata dopo una delle chiacchierate con le mie più care amiche riguardo – ovviamente – l’acquistare scarpe. Se anche tu, come alcune delle mie amiche, hai difficoltà a trovare le scarpe nei negozi fisici perché calzi un numero particolare o hai delle esigenze specifiche, i siti per acquistare scarpe online possono davvero risolverti la vita.

Quali sono i migliori siti per acquistare scarpe online?

Si tratta di un elenco piuttosto breve perché, pur essendo vastissima la scelta online, voglio parlarti solo dei siti web che ho verificato personalmente, che poi sono anche quelli più conosciuti. Voglio subito dirti che acquistare scarpe online è semplice in tutti i siti che ti elencherò qui. E anche le politiche di acquisto ed eventuale reso si assomigliano molto. Tutto quello che ti servirà è un indirizzo mail valido, al quale hai la possibilità di accedere e una carta di credito e/o prepagata. Ovviamente un indirizzo di consegna.

Zalando.it: uno dei migliori

Zalando.it è sicuramente quello a cui sono più affezionata. Ed è anche il sito a cui faccio riferimento in tantissimi dei miei articoli per quanto riguarda i link affiliazione. Acquistare scarpe online sul sito di Zalando è semplicissimo. Ti servirà effettuare la registrazione con la tua mail e confermarla cliccando sul link che Zalando ti invierà. A questo punto non ti resta altro che scegliere il modello che più ti piace sfruttando tutti i filtri che Zalando ti mette a disposizione.

Filtri, reso e spedizione su Zalando.it

Quindi potrai scegliere in base al modello, al colore o alla fantasia, all’altezza del tacco, al tipo di allacciatura,al materiale, alla numerazione, alla larghezza della pianta del tuo piede, alla punta della scarpa, alla fascia di prezzo, l’occasione per calzarle, tipo di imbottitura e al brand che preferisci. In questo modo Zalando ti dà la possibilità di trovare proprio ciò che stai cercando. Per ogni modello di scarpe viene segnalata la calzabilità, ovvero come veste al piede – se conviene acquistare il tuo numero abituale o scegliere una taglia in più o in men -. Inoltre Zalando è un ottimo sito anche per acquistare abbigliamento, accessori moda, intimo e beauty. Cliccando poi nella sezione promo hai la possibilità di trovare tantissimi articoli a prezzi davvero shock. Per tutti gli acquisti superiori ai 24,9 Euro la spedizione è gratuita e garantita tra i 2 e i 5 giorni lavorativi, ma io non ho mai ricevuto il pacco più tardi di 3 giorni. Una volta fatto il tuo ordine, Zalando ti invierà una mail di conferma, così come quando te la invierà una volta partito il tuo pacco dandoti la possibilità di seguire la spedizione per rimanere sempre aggiornata sulla posizione geografica del tuo prezioso acquisto. Nel caso in cui il tuo acquisto non fosse conforme al tuo gusto, potrai sempre prenotare il reso gratuito. In questo caso un corriere tornerà a riprendere il pacco e ti verranno rimborsati i soldi dell’acquisto.

Sarenza.it: una garanza per acquistare scarpe online

Sarenza.it è il mio secondo preferito per acquistare scarpe online. Qui ti vengono offerte sessioni di shopping per borse ed accessori, oltre alle scarpe. I filtri disponibili ti consentiranno di scegliere in base a modello di scarpa, numero di calzata, tipo di sconto applicato, brand, colore, fascia di prezzo, altezza del tacco, tipo di comfort ricercato – ad esempio polpaccio largo, suola flessibile, calzata larga – occasione per indossarle – se da sera, da matrimonio, da città, ecc. – materiale e stagione. Qui i filtri utilizzabili, pur essendo comunque molti, sono inferiori rispetto a quelli di Zalando. Anche su Sarenza.it viene segnalata la calzabilità di ogni modello. La consegna avverrà tra i 3 e i 5 giorni lavorativi. La procedura di reso anche qui avviene tramite procedura online, accedendo al tuo profilo e contrassegnando gli articoli che vuoi resituire.

Questi sono i due siti per acquistare scarpe online che utilizzo più spesso, ma è giusto rammentarti anche Amazon.it – dove ho acquistato le mie ultime Converse Platform -, Privalia, in cui ho acquistato le mie Timberland, Yoox.com, in cui puoi trovare tantissime scarpe di grandi firme, compresa la linea 8 by Yoox, Bata.it e Scarpescarpestore.com.

Siti-per-acquistare-scarpe-online

Adesso non ti resta che correre a dare un’occhiata alle proposte di questi siti e abbandonare la diffidenza dell’acquistare scarpe online. Ti invito a leggere il mio articolo sui 9 consigli pratici per acquistare scarpe online e su come misurare i piedi e scegliere la taglia giusta.

Buon shopping online!

A presto

-S-

Scarpe Timberland ecosostenibili:

Scarpe Timberland ecosostenibili:

La linea di scarpe Timberland ecosostenibili fanno parte di un progetto molto più ampio. Il brand è infatti impegnato in una campagna a tutto tondo a favore della sostenibilità ambientale. E lo fa principalmente attraverso il rimboschimento di alcune aree del mondo, la promozione del riciclo delle calzature usate e l’impiego di materiali sostenibili. Tutto ciò per combattere i cambiamenti climatici, rendere migliore l’aria e avere maggior cura del nostro mondo. Questo progetto riguarda non solo le scarpe, ma tutti i prodotti Timberland. Ovviamente io ti parlerò di scarpe.

Le scarpe Timberland sono attente all’ambiente

Quasi tutte le scarpe Timberland sono realizzate utilizzando almeno un componente riciclato, organico o rinnovabile. Tutti i pellami utilizzati provengono da concerie che fanno parte del Leather Working Group (LWG) che ha come obiettivo quello di valutare la conformità dell’industria manifatturiera dei pellami nel rispetto dell’ambiente e della sicurezza. Tutte le calzature Timberland sono prive di PVC e tutti i materiali idrorepellenti utilizzati non contengono perfluorocarburi (PFC), all’interno dei quali sono presenti leghe molto forti tra carbone e fluoro che non si disintegrano subito nell’ambiente e che possono risultare nocive anche per l’uomo. Inoltre Timberland ha diversi obiettivi per il 2020. Innanzitutto ha intenzione di ridurre ulteriormente la presenza di composti organici volatili (COV) nelle calzature, ovvero composti chimici con caratteristiche di tossicità. Come ridurre ulteriormente il consumo di energia elettrica e utilizzare quella proveniente da fonti rinnovabili. Come trovare un’alternativa ai rifiuti in discarica e coinvolgere maggiormente i dipendenti in opere di volontariato. In tutto ciò Timberland si è impegnata negli ultimi anni per piantare più di dieci milioni di alberi nel mondo e continuerà a farlo per raggiungere la soglia dei cinquanta milioni.

Le scarpe Timberland ecosostenibili: i modelli

Sono sicura che se dico Timberland la prima cosa che ti verrà in mente sarà lo scarponcino classico, del quale ti avevo già parlato. Ma in realtà ormai il brand produce tantissimi modelli di scarpe da donna, sempre dal carattere sportivo. Sneaker, tronchetti, stivali e derby. Sul sito, cliccando su ciascun modello, puoi andare a leggere le caratteristiche di produzione e vedere se sono presenti e quali sono i componenti sostenibili.

Scarpe-Timberland-ecosostenibili Scarpe-Timberland-ecosostenibili-0

Scarpe-Timberland-ecosostenibili-1

Scarpe-Timberland-ecosostenibili-3

 

A presto!

-S-

Pin It on Pinterest